Home
INTERVENTO DEL PRESIDENTE SANTINON, PRESENTAZIONE POFT – COMUNE DI VICENZA.
dav

INTERVENTO DEL PRESIDENTE SANTINON, PRESENTAZIONE POFT – COMUNE DI VICENZA.

La presentazione di un POFT così ricco ed articolato è veramente un’occasione di festa: festa per la scuola vicentina e per la nostra comunità, che offre ai più piccoli stimoli, progetti ed iniziative quanto mai varie ed arricchenti.

Come IPAB per i Minori di Vicenza siamo da anni impegnati a contrastare, con i pochi mezzi a disposizione, quella variegata complessità di disagio che usiamo denominare “povertà educativa”. Nella cura e protezione del minore non siamo più infatti di fronte a situazioni di malnutrizione, malattie, abbandono, povertà materiale. O, se lo siamo, le percentuali sono infinitesime rispetto ad un passato che non dobbiamo rimpiangere. La povertà si è spostata oggi sul piano delle mancanze educative, relazionali, formative, di relazione sociale, di crescita del minore all’interno della propria comunità, città, Nazione. Difficoltà economiche, a volte certo, ma anche linguistiche, di adeguatezza della famiglia di fronte ad esigenze nuove.

Ecco che come IPAB per i Minori mettiamo in campo progetti e proposte che mirano a colmare questa “nuova povertà”: mettiamo in campo, assieme ad una capace rete cittadina (Comune, terzo settore, volontariato, scuola) offerte formative, culturali, relazionali, sportive, di gioco, di educazione… in grado di offrire ai cittadini di domani -tali sono i nostri minori- ogni opportunità di crescita, in un ambiente che sia qualcosa di diverso e di “oltre” rispetto ad uno schermo di smartphone.

Lunga premessa per sottolineare come IPAB per i Minori veda esattamente calzante al proprio modo di agire sul territorio questa preziosa ricchezza del POFT.

Quali sono i punti sui quali IPAB per i Minori potrà intervenire, con risorse proprie nell’anno 2020? Il primo punto di contatto sarà necessariamente la sinergia e l’accordo con l’Amministrazione Comunale: il fattivo dialogo con l’Assessore Tolio – e gli Assessori Celebron e Tosetto- ci porterà a condividere una linea di azione che possiamo definire di priorità ma anche di indirizzo politico. Su questa linea IPAB per i Minori cercherà le risorse necessarie ad attivare uno o più progetti -qualche idea c’è già- tra quanto è contenuto nel POFT. Le risorse, sempre poche e a maggior ragione pochissime di fronte a tanti e bei progetti, impongono delle scelte. Scelte che IPAB effettuerà sempre sui bisogni dei più piccoli e coerentemente alla propria strategia di azione. Una strategia che ha visto -e qui mi rivolgo ai Dirigenti scolastici- sempre quali partner principali gli Istituti Comprensivi.

Credo che vi siano tutti gli spazi per importanti collaborazioni, in rete, con un unico focus: il bene del minore e, con esso, della nostra comunità.